giovedì, Novembre 24, 2022

Ultimi articoli

Amare un’altra non è giustificato motivo per lasciare la casa coniugale: la sentenza

La Cassazione ha stabilito che innamorarsi di un’altra donna non è un motivo giustificato per “uscire di casa senza conseguenze”. Nello specifico ha accolto il ricorso di una donna dopo che i giudici d’Appello di Firenze aveva deciso di non addebitare la separazione al suo ex marito.

La signora, dopo molti anni di matrimonio, aveva dovuto fare i conti con la confessione del marito che aveva ammesso di non amarla più. L’uomo di conseguenza aveva deciso di lasciare il tetto coniugale improvvisamente lasciando la moglie e i due figli minori. Il tribunale ha chiarito però che «solo il previo deposito della domanda di separazione, di annullamento, o di divorzio, costituisce giusta causa di allontanamento della residenza coniugale». Quindi chi lascia la casa senza averlo fatto «incorre della violazione dell’obbligo di coabitazione» da cui «consegue inevitabilmente l’addebito della separazione al coniuge che, in concreto, si sia allontanato dal tetto coniugale».

La causa alla fine è stata ribaltata in Cassazione, l’uomo è tenuto al versamento di 1200 euro al mese per i figli, 700 per la moglie e a saldare i costi della separazione, poiché di fatto è imputabile a lui la colpa dello stesso.

Latest Posts

imperdibili